Ogni donna che si rivolge al chirurgo estetico non ricerca soltanto un miglioramento del proprio corpo ma aspira anche ad una condizione di maggiore sicurezza personale e uno stato di benessere completo. Convinto di questa filosofia è il dottor Vincenzo Galante, chirurgo estetico dalla consolidate formazione nazionale e internazionale, specializzato in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica, che opera come libero professionista nelle cliniche di Roma, Milano e Brindisi. Tra gli interventi richiesti al Dott. Galante con maggiore frequenza rientrano quelli dedicati al miglioramento del seno, da sempre simbolo di femminilità e seduzione.

Gli interventi al seno, che abbracciano il pubblico femminile in tutte le sue fasce d’età, sono basati sulle più sofisticate tecniche del settore e gli obiettivi principali no con l’ausilio di protesi (mastoplastica additiva), il lifting e il risollevamento del seno (mastopessi) e la correzione di eventuali difetti congeniti o acquisiti (mastoplastica correttiva).

La mastoplastica additiva, indicata un intervento dalla durata di un’ora che può avvenire in sedazione profonda con anestesia locale e prevede l’inserimento di una coppia di protesi mammarie. Al fine di garantire i massimi standard di qualità e sicurezza, il Dott. Galante si avvale dell’utilizzo di protesi prodotte in Germania dall’azienda Polytech. Riempite con un gel coesivo di ultima generazione (Subline-Line) le protesi hanno 4 tipi differenti di involucri che si adattano perfettamente alle caratteristiche e alle richieste delle pazienti.

Due le tipologie tra cui scegliere: protesi anatomiche dalla forma a goccia, per un seno dall’aspetto naturale, o tonde, per chi desidera un leggero effetto push-up. Entrambe sono garantite a vita. Dopo circa cinque ore dall’intervento la paziente può lasciare la clinica. A ricordare l’intervento, che richiede controlli standard a 1-3-6 mesi, rimangono soltanto cicatrici ben nascoste e poco visibili. Per quanto riguarda l’intervento di mastopessi con o senza protesi, che rimodella un seno sce- so o svuotato, l’operazione ha una durata di circa due ore e mezza, eseguita in sedazione profonda con anestesia locale o in anestesia generale. In entrambi i casi il ritorno ed eventuali leggeri fastidi possono essere dono sempre una prima visita accurata da parte del chirurgo per valutare la tipologia di operazione più opportuna, non interferisco- no minimamente con esami diagnostici come ecografia e mammografia.